riva occidentale del Lario - Vademecum Turistico Lago Como Lugano Hotel Ristoranti Shopping Trekking

Vai ai contenuti

Menu principale:

riva occidentale del Lario

WHERE TO GO

Località del Lago di Como
la sponda occidentale

da Cernobbio a Menaggio

CERNOBBIO

Cernobbio è una località turistica situata ai piedi del Monte Bisbino, dalla cui vetta è possibile ammirare un grandioso panorama  che spazia sul lago e si estende sulla pianura fino a Milano. Questa località è spesso menzionata per la presenza del Centro Esposizioni e Congressi "Villa Erba" nonché per il rinomato resort "Villa d'Este", conosciuto in tutto il Mondo.

MOLTRASIO

Oltrepassata Cernobbio si arriva a Moltrasio che, fra l'altro, ha dato nome ad una pietra, caratterizzata da striature grigio-azzurre: qui troviamo Villa Salterio che ospitò Vincenzo Bellini; in questo contesto il Maestro compose una delle sue più grandi opere: "La Sonnambula".
Fra i vari monumenti da menzionare ricordiamo la Chiesa romanica di Sant'Agata, risalente all'XI secolo; in più, Villa Passalacqua, Villa Fontanella e la Villa delle Rose: quest'ultima ebbe tra i suoi illustri ospiti anche lo statista Winston Churchill.

CARATE URIO

Questo comune consta dell'unione di due paesi: Urio e Carate. Urio è caratterizzata dalla presenza del Castello collegato al lago da una triplice scalinata: il palazzo, risalente al Seicento, è denominato "castello" forse perché sorto sui resti di un'antica fortificazione; tra i suoi possessori più illustri vale la pena ricordare Maria Teresa d'Asburgo Lorena, moglie di Re Carlo Alberto di Savoia, e tra gli ospiti si possono annoverare Vittorio Emanuele I con la moglie Maria Adelaide. Oggi, il "Castello" è sede della Fondazione Rui (Residenze Universitarie Internazionali). A Urio si può anche ammirare la parrocchiale dei SS. Quirico e Giulitta con campanile a bifore del XII secolo e con romantico sagrato in riva al lago.

BRIENNO

Brienno è una località stretta in un lembo di terra che corre lungo il lago: il paese risulta ancora legato alle tradizioni, infatti si hanno manifestazioni periodiche risalenti al Medioevo, come il "Carnevale del Barbarossa" ed il "Palio del Baradello", i quali ricordano il passaggio dell'Imperatore Federico I di Svevia e della sua sposa Beatrice di Borgogna.


ARGEGNO e
la VALLE d'INTELVI

Argegno è una località posta in un'ampia e panoramica insenatura e funge da porta di collegamento con la sovrastante Valle d'Intelvi. E' un paese di origini romane ed oggi è un rinomato centro turistico. La vicinanza al Monte Sighignola ed al celebre Belvedere (entrambi a Lanzo) ne fanno una meta importante per gli amanti dei panorami mozzafiato, per non parlare poi del comodissimo collegamento con la funivia che sale dalla riva del lago fino a Pigra, a quasi 900 metri d'altitudine, da cui si ha una spettacolare veduta del lago.

SALA COMACINA

Sala Comacina si affaccia su un piccolo golfo denominato la "Zoca de l'Oli", ossia pozza d'olio: questo nome deriva dalla calma delle acque che separano la riva di Sala dall'Isola Comacina. Anche a Sala è possibile ritrovare antiche ville patrizie: la più famosa è "Villa Rachele", costruita a cavallo tra il '700 e l'800 che ospitò anche Alessandro Manzoni.


ISOLA COMACINA
'COMACINA' ISLAND

L'Isola Comacina è l'unica isola del Lario: lunga circa 600 metri, ha un perimetro di circa due chilometri. L'Isola venne usata come roccaforte fin dai tempi dei Romani e fu spesso teatro di aspre lotte.
All'inizio del '900 venne donata allo Stato Italiano dal Re del Belgio e oggi è gestita dalla "Fondazione Isola Comacina" presso l'Accademia di Brera a Milano: delle sue otto chiese, solamente una è rimasta integra ed è quella di San Giovanni in Castello; ad essa è dedicata una sagra che ricorre ogni anno a giugno per la Festa di San Giovanni, caratterizzata dallo spettacolo pirotecnico che parte proprio dall'Isola ed illumina il lago, creando uno scenario altamente suggestivo.

OSSUCCIO

Ossuccio è caratterizzata dal campanile della Chiesa di Santa Maria Maddalena di Ospedaletto, opera dei Magistri Comacini. Si tratta di una costruzione in stile romanico mentre la torre campanaria presenta reminiscenze gotico-moresche.
Da Ossuccio è possibile salire fino al Santuario della Madonna del Soccorso raggiungibile attraverso una mulattiera costeggiata da 14 cappelle barocche, dedicate ai Misteri del Rosario e contenenti statue in terracotta, opere di Francesco ed Agostino Silva.

Back

Hotels Restaurants Shopping Events Photos Webcams Places & more...
powered by GMCS©
Torna ai contenuti | Torna al menu